Lettera di commiato del Preside

Lettera di commiato del Preside
alla comunità scolastica del Sant’Apollinare

Il 1° settembre lascio il servizio di Preside dell’Istituto perché vado in pensione. Ho compiuto 69 anni, sono nella scuola dal 1976 e da oltre 11 anni lavoro al Sant’Apollinare. Desidero rivolgervi un saluto affettuoso e riconoscente. Ho vissuto questo tempo come parte integrante del mio ministero sacerdotale e di questo sono infinitamente grato al Signore.

Saluto prima di tutto gli studenti di oggi e quelli di ieri che hanno rappresentato sempre il fine dei miei interessi, prima come docente, e poi come dirigente scolastico. Resto convinto che se c’è possibilità di cambiare le cose che non vanno bene, questo passa attraverso la formazione dei giovani, sulla fiducia in loro, aiutandoli nel non facile cammino di formazione, perché i ragazzi non saranno la società di domani, ma sono già oggi, adesso, il futuro che insieme prepariamo.

A voi studenti un abbraccio forte sia a quelli di cui ho imparato il nome, sia a quelli di cui ricordo a fatica il viso.

Quello che voglio dirvi lo prendo in prestito da un grandissimo educatore don Lorenzo Milani: “Devo tutto quello che so ai giovani che ho incontrato. Io ho insegnato loro soltanto ad esprimersi, mentre loro mi hanno insegnato a vivere.” Diceva ancora il Priore di Barbiana. “Il maestro dà al ragazzo tutto quello che crede, ama, spera. Il ragazzo crescendo, ci aggiunge qualche cosa e così l’umanità va avanti.”

Papa Francesco ripete spesso ai giovani: “Non fatevi rubare i sogni e non siate soli. Spendete i vostri talenti, prendetevi per mano, impegnatevi tutti i giorni in quello che fate”.

Voglio poi dire grazie ai docenti con i quali ho condiviso sempre il mio lavoro; a tutti va la mia riconoscenza per quanto fate nella scuola, per la collaborazione e professionalità. Sono orgoglioso di voi: insegnare non è un lavoro come gli altri, ma è un privilegio straordinario a cui, però, bisogna credere davvero. Insegnare è bellezza e passione.

Ricordo anche chi non è più tra noi, il carissimo indimenticabile Prof. Andrea Spinelli.

Il mio saluto va al personale amministrativo: segreteria, economato e restante personale ATA.

Un grazie particolarissimo al Prof. P. Luigi Fioriti che come Vicepreside ha condiviso con me la conduzione dell’Istituto.

Ringrazio e saluto il Consiglio d’Istituto e la sua Presidente.

Da ultimo, ma non ultimi, il mio pensiero è per voi genitori e famiglie: siete una componente essenziale del Sant’Apollinare e senza la vostra collaborazione nella formazione dei ragazzi non avremmo ottenuto i risultati sperati.

A voi, carissimi genitori, confermo stima e solidarietà perché il vostro ruolo oggi, più che mai, è diventato difficile da svolgere.

E’ necessario un patto educativo, un’alleanza strettissima tra scuola e famiglia; riappropriatevi del vostro ruolo genitoriale, non lasciatevi prendere dalla stanchezza.

Infine un saluto ed un augurio cordialissimo al nuovo Preside Prof. don Paolo Tammi che oggi inizia a lavorare tra noi.

Il Signore benedica, tutti e ognuno, perché impariamo ad educarci vicendevolmente nella ricerca della vera sapienza e ci doni la sua pace.

                                                                                                          Con affetto

                                                                                              Prof. don Enzo Pacelli

Roma, 31 agosto 2019

More in this category: « Servizio WhatsApp