Incontri con il preside

Home/Incontri con il preside
Incontri con il preside2019-11-13T17:44:56+01:00

In questi interventi presento non solo me ma anche il modello di scuola, i desideri che abbiamo, i progetti che abbiamo partorito, lo stile che vogliamo seguire, i sogni nel cassetto. Non tutto riusciremo a fare e non tutto subito, però la storia si scrive con la penna della speranza.

Don Paolo Preside

Chiedo forza per realizzare questi desideri

Desidero impostare un rapporto sereno con docenti, studenti, genitori, consapevole che non si è mai amici dei propri figli massimo essere rispettosi, generosi, assumersi le proprie responsabilità per essere il primo a lavorare di più. Mi sostengono le parole del vangelo di Luca Lc 12,39-48. A chiunque  fu dato molto,  Molto sarà chiesto e le prime parole di papa Giovanni Paolo e coraggio se il signore da un peso data anche l'aiuto per portarlo.

Ho accettato questa sfida

Ho accettato questa sfida per passare da rapporti di parrocchia belli, incentrati sull'iniziativa pastorali in un territorio e su rapporti umani forti, di tipo affettivo, rapporti di scuola, incentrati sull'iniziativa professionale, sulla fiducia del corpo docente e non docente. Che crea una stima reciproca e una affettività, diversa da quella pastorale ma ugualmente valida.

Ciò che è bello in questa scuola

Ciò che è bello in quest'istituto: la coscienza, la pulizia, il rapporto umano, gli ampi spazi, la disponibilità di docenti, il personale non docente paterno e materno, l'impostazione cristiana. Non siamo perfetti, ci mancherebbe. Però non ci manca l'autostima e non crediamo di piangerci addosso si al sistema migliore di comunicazione.

Una scuola che rende i ragazzi protagonisti 

Le attività extra curriculare che rafforzano la cultura, le competenze e si indirizzano alla vita contemporanea per essere protagonisti. La scuola è  chiamata ad andare oltre la scuola. C'è un curriculum ma ci sono attività extra curricolare dallo studio delle lingue allo sport, dall'abilità nel mondo digitale al teatro e alla cultura, dalla conoscenza più specifica di eventi storici 8 novembre 2019 al favorire le relazioni umane. Aiutiamo i ragazzi ad essere protagonisti umili ricordando che l'ignoranza è la madre di ogni schiavitù.

Cosa desidero fare e cosa evitare

In vista della scelta universitaria di ragazzi, sostenerli, evitare l'abbandono scolastico, fortificare il carattere, tirare fuori abilità e competenze. Conosco la fragilità dei ragazzi ma questo non mi impedisce di stimarli e volergli bene. Passano qui la maggior parte del loro tempo . Hanno bisogno di fortificarsi di tirar fuori la loro grinta, abilità e competenze di 590.000 ragazzi che a giorni inizieranno le superiori, 130.000 non arriveranno al diploma . Abbandoneranno cioè l'istruzione statale prima dei 18 anni.  Al netto sono il 30,6 %.

Mi hanno nominato preside

Preside al passo coi tempi perché la lunga esperienza in parrocchia e nella scuola, in grado di ascoltare di studenti, attento alla dimensione umana . Sono preside del 1 settembre 2019. Sono Romano e sacerdote. Ho sempre fatto l'esperienza più bella, quella della parrocchia, ma insieme sono sempre stato insegnante . Bioetica, poi religione nei licei, poi storia e filosofia.

Contatta L’Istituto

Ultime pubblicazioni